Bonus 2021 per inferriate, cancelli, vetri blindati

Bonus Casa Infissi e cancelli

Inferriate su misura
Porte e infissi in ferro antintrusione
Cancelli e recinzioni su misura

Risparmi il 50%

Metti in sicurezza la tua casa e risparmi il 50% con il Bonus Casa 2021

La nuova legge di bilancio 2021 proroga tutte le detrazioni fiscali che riguardano i così detti "bonus casa" per le ristrutturazioni edilizie e gli interventi per la messa in sicurezza della casa.

Quali sono le detrazioni fiscali previste dal Bonus Ristrutturazioni 2021?

IRPEF 50%

sulle spese sostenute con bonifico bancario o postale dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2021, con un limite massimo di 96.000 euro per singola unità immobiliare.

IVA 10%

sulle prestazioni di servizi relativi ad interventi di manutenzione straordinaria, realizzati sulle unità immobiliari abitative con scia aperta.

Sconto in fattura

ottenendo dal fornitore uno sconto immediato in fattura di pari importo alla cifra della detrazione. Il cliente beneficiario può altrimenti cedere il credito a banche, poste ed altri istituti creditizi.

La detrazione viene ripartita in 10 rate annuali di pari importo, a partire dall'anno in cui è stata sostenuta la spesa.

Quali interventi finalizzati alla messa in sicurezza della casa rientrano nel bonus?


Bonus Sicurezza

L'agevolazione fiscale sugli interventi di ristrutturazione edilizia è disciplinata dall'art. 16-bis del Dpr 917/86 e comprende anche le spese sostenute per rendere più sicura la casa come l'installazione di inferriate su misura e sistemi antintrusione.

inferriata modello Firenze
Installazione e sostituzione inferriate
portone sezionale bianco
Installazione porte in ferro antrintrusione
Porta vetrata con dettagli in ferro
Installazione infissi in ferro antrintrusione

ed inoltre:

  • Installazione o sostituzione di serrature, lucchetti, catenacci, spioncini
  • Installazione di saracinesche
  • Tapparelle metalliche con bloccaggi
  • Casseforti a muro

Gli interventi per la messa in sicurezza della casa sono realizzabili senza SCIA edilizia.

Bonus Ristrutturazioni e Manutenzione Straordinaria

Si può usufruire della detrazione 50% con ripartizione in 10 anni per gli interventi di manutenzione straordinaria senza scia aperta

Gli interventi ammessi comprendono la sostituzione e messa a norma di cancelli, portoni, recinzioni e porte di condomini

Prima di procedere è bene sempre accertarsi presso il comune delle autorizzazioni necessari.

Si può usufruire della detrazione 50% con ripartizione in 10 anni e IVA AL 10% per gli interventi di ristrutturazione edilizia con scia aperta

Gli interventi ammessi comprendono l‘ installazione, la riparazione, la sostituzione e la messa a norma di cancelli, portoni, recinzioni di singole unità abitative.

Bonus facciate

Il bonus facciate, introdotto nel 2020 con l'art. 1 comma 219 e prorogato anche nel 2021, consiste nella detrazione del

90% in 10 anni

delle spese sostenute per il recupero delle facciate esterne degli edifici esistenti ubicati in zona A (centri storici) e zona B (totalmente o parzialmente edificata), sono escluse le case di campagna.

Zona A : le parti del territorio interessate da agglomerati urbani che rivestano carattere storico, artistico e di particolare pregio ambientale o da porzioni di esse, comprese le aree circostanti, che possono considerarsi parte integrante, per tali caratteristiche, degli agglomerati stessi.

Zona B le parti del territorio totalmente o parzialmente edificate, diverse dalla zona A): si considerano parzialmente edificate le zone in cui la superfice coperta degli edifici esistenti non sia inferiore al 12,5% (un ottavo) della superficie fondiaria della zona e nelle quali la densità territoriale sia superiore al 1,5 mc.

I lavori ammessi di recupero o restauro della facciata riguardano i costi per interventi di manutenzione ordinaria:

  • Interventi sulle strutture opache della facciata
  • Lavori su balconi, ornamenti, inferriate, parapetti, balconate
  • Pulitura della facciata
  • Tintuggiatura esterna dell'edificio

Chi può usufruire della detrazione?

L'agevolazione spetta a chi sostiene la spesa, quindi non soltanto ai proprietari dell'immobile oggetto della ristrutturazione, ma anche a coloro che hanno un diritto reale o di godimento sull'immobile:

  • proprietari o nudi proprietari
  • inquilino
  • comodatario
  • familiare convivente
  • soci di cooperative divise e indivise
  • imprenditori individuali, per gli immobili non classificabili tra i beni strumentali o merce
  • società semplici, in nome collettivo, in accomandita semplice, imprese familiari nelle stesse modalità previste per gli imprenditori individuali.

Pensi di poter usufruire del bonus fiscale?
Contattaci per un preventivo personalizzato

Come si ottiene il bonus?

Per avere diritto alla detrazione fiscale i pagamenti devono essere effuati con bonifico bancario o postale, da cui risulti:

  • la causale del versamento ai sensi dell'art. 16 bis TUIR
  • il codice fiscale del beneficiario della detrazione
  • il codice fiscale o partita iva della ditta che effettua i lavori

Sconto in fattura

Il Decreto Rilancio 2020 oltre a prorogare i Bonus Casa ha introdotto lo sconto in fattura e la cessione del credito, una valida alternativa alla detrazione.

Come si ottiene lo sconto in fattura?

Il cliente che per esempio vuole installare delle nuove inferriare o eseguire altri interventi di ristrutturazione edilizia può decidere di cedere il credito direttamente al fonitore ottenendo immediatamente uno sconto in fattura corrispondente alla cifra della detrazione (50% o 90%) che altrimenti avrebbe recuperato in 10 anni.

Una seconda opzione è la cessione del credito, in questo caso il cliente può cedere il credito direttamente ed autonomanente a terzi tra cui banche, poste e finanziarie di ogni genere.

Per saperne di più puoi visitare il sito dell'Agenzia dell‘Entrate.